Image by Kate Kozyrka
Image by Kate Kozyrka

Image by Stefan Rodriguez
Image by Stefan Rodriguez

Image by Lesly Juarez
Image by Lesly Juarez

Image by Kate Kozyrka
Image by Kate Kozyrka

IDROSSIAPATITE

Minerale presente nello smalto e nella dentina, che conferisce a questi tessuti durezza e consistenza, contiene un gruppo fosfato che rende i denti duri e resistenti. Quando placca e tartaro, presenti nel cavo orale, ne corrodono le superfici, creano lesioni che danno origine alla formazione della carie.

L'interesse principale dell'idrossiapatite nel dentifricio è che aiuta a rimineralizzare la struttura del dente senza effetti collaterali noti.

La carie cresce e distrugge i denti quando la demineralizzazione dei denti supera la remineralizzazione. Entrambi questi processi avvengono continuamente nella tua bocca e sono influenzati dalla respirazione orale, dalla tua dieta, dalla tua igiene orale e, infine, dal tuo microbiota orale.

HAP è biocompatibile e biomimetico, il che significa che il nostro corpo lo riconosce come struttura familiare che gli appartiene.

L'HAp agisce sostituendo i minerali che i denti perdono quando vengono demineralizzati e riempiendo le minuscole "fessure" o "graffi" nei denti che altrimenti ospitano i batteri.

Nel 2019, uno studio ha rilevato che l'uso nel dentifricio di idrossiapatite ha effettivamente creato un rivestimento sui denti più robusto di quello formato dal dentifricio al fluoro. Ciò ha contribuito a rafforzare lo smalto per la futura resistenza alla rottura.

L'uso del dentifricio HAp aiuterà a proteggere i denti dagli "attacchi acidi" dei batteri, ma senza rovinare il microbiota orale

Il microbiota orale ha bisogno di essere in eubiosi per funzionare correttamente e mantenere la bocca sana

Le particelle di idrossiapatite nel dentifricio impediscono ai batteri di attaccarsi allo smalto dei denti con la stessa efficacia degli agenti antibatterici, ma senza uccidere i batteri commensali.

 I risultati preliminari hanno scoperto che l'uso del dentifricio HAp può aiutare a migliorare la salute delle gengive nei pazienti con malattie gengivali.

I miglioramenti osservati includevano controllo della placca, gengive sanguinanti e profondità delle tasche.